Lainate Hotel - Guida Turistica

CERCA ALBERGHI
Alberghi Lainate
Check-in
Check-out
Altra destinazione


.: LAINATE HOTEL
 Lainate Ŕ un comune di 23.308 abitanti della provincia di Milano. Importanti architetture sono la Villa Visconti Borromeo Arese Litta ed il suo magnifico ninfeo secentesco. Lainate sorge tra il parco delle groane e l'antico "Bosco dei Guasti" (ormai quasi scomparso). Un tempo il suo territorio era delimitato dai torrenti Lura e Bozzente. Oggi Ŕ attraversata dal canale Villoresi. Si trova a 176m slm a 18 Km in direzione nord ovest rispetto a Milano. Da sempre le frazioni Grancia e Pagliera fanno parte del Comune, Barbaiana dipende amministrativamente da Lainate solo dal 1870. Passirana ha fatto parte del comune di Lainate fino al 1928, anno nel quale per per regio decreto pass˛ al comune di Rho. Lo stemma del comune di Lainate Ŕ curioso: rappresenta un leone rampante che sta demolendo una torre. Con tutta probabiltÓ la prima rappresentazione del blasone deve ricondursi al XIV sec. in quanto a quell'epoca si fanno risalire le pi¨ comuni rappresentazioni del genere. Riguardo alla torre si sa per certo che, al loro arrivo sul territorio di Lainate, le truppe del Barbarossa trovarono un brogo circondato da un sistema di case-torri, un ingegnoso sistema per difendere l'abitato da aggressori e saccheggi, ma anche per vigilare sui campi e per comunicare di villaggio in villaggio. Non Ŕ disponibile alcuna informazione su cosa accadde nel territorio durante l'epoca romana e durante le invasioni barbariche. Le prime notizie risalgono a documenti del IX secolo. Il primo in particolare Ŕ una pergamena relativa a una divisione di beni, sul quale Ŕ citata la via "Latenasca". Dal manoscritto si evince che il monastero di S. Ambrogio di Milano avesse giÓ dei possedimenti sull'attuale territorio comunale. Un documento successivo Ŕ relativo a una vendita effettuata nel 1012.
  In quegli anni Lainate era probabilmente un piccolo villaggio di campagna, sorto intorno a una cappella. Dalla documentazione disponibile, si riscontra come a poco a poco i Borromeo si insediarono nel territorio per poi diventare feudatari. Infatti il 20 marzo 1470 i conti Giovanni e Vitaliano Borromeo giurarono fedeltÓ al Duca Galeazzo Maria Sforza e alla Duchessa Bona, ottenendo privilegi feudali sui luoghi di Lainate, ovvero la possibilitÓ di esercitare poteri pubblici (riscossione di tasse su beni e merci o in occasione di matrimoni e funerali). Avevano inoltre il monopolio per la costruzione di mulini e frantoi, che concedevano in uso a pagamento ai cittadini, ai quali ne era vietata la costruzione. In quel periodo a Lainate la gente viveva essenzialmente del frutto dei campi, la societÓ era ad economia agricola, con un commercio limitato al solo baratto, che si verificava in occasione di fiere o mercati. Dai documenti del periodo si riscontra che oltre ai Borromeo un'altra famiglia nobile vendeva e comprava terreni in quel periodo: i Girami. Sembra che questa famiglia fosse in possesso di diverse vigne sul territorio.
  Intanto il paese comincia a prendere forma, grazie alla bonifica dei terreni e al taglio dei boschi. Nonostante questo mancavano adeguate scorte alimentari lequali in concomitanza con le scarse condizioni igieniche, favorivano il diffondersi di malattie. In seguito al Concilio di Trento, che impose di tenere aggiornati i registri con battesimi, matrimoni e morti dei fedeli, a partire dalla fine del Cinquecento, le informazioni disponibili diventano pi¨ numerose e complete. Dai registri si nota una grande diffusione della professione del falegname, probabilmente dovuta alla notevole presenza di boschi da taglio nella zona. Nel frattempo Lainate continuava ad ingrandirsi, la sua crescita andava di pari passo con le esigenze della famiglia Visconti Borromeo. Dopo la sconfitta degli Spagnoli nel 1706, gli Austriaci avviarono un rinnovamento totale che port˛ la Lombardia ad essere una perla dell'Impero Austriaco. Tuttavia il tenore di vita dei contadini Lainatesi non miglior˛ di molto. In quel periodo Lainate contava 1326 abitanti, contro i 1300 del 1596. In pi¨ di un secolo la popolazione era praticamente rimasta invariata. Lainate partecip˛ ai moti del Risorgimento italiano ed alle eroice "Cinque Giornate di Milano" e qui si ferm˛ Vittorio Emanuele II prima di entrare a Milano accanto a Napoleone III, dopo la vittoriosa "Battaglia di Magenta" del 1859. Verso la fine del secolo si verific˛ uno straordinario evento: alla morte del Duca Antonio Litta, tutti i suoi beni (che comprendevano la maggior parte del territorio comunale di Lainate), furono messi all'asta. Gran parte dell'ereditÓ venne acquistata dal nobile veronese Ignazio Weil Weiss che fu benefattore del paese e, attivissimo in politica, ne fu sindaco per molti anni portandolo verso un maggior progresso economico.